Modello 231

ALBINI&PITIGLIANI SpA, in ottemperanza alle disposizioni contenute nel D.Lgs 8 giugno 2001 n. 231, sulla “Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche”, con delibera del Consiglio di Amministrazione del 14 settembre 2023, si è dotata di un Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs n. 231/2001.

Il Modello 231 di gestione aziendale, composto da una Parte Generale ed una Parte Speciale, individua le procedure operative che l’azienda ALBINI&PITIGLIANI SpA adotta per ridurre il rischio che i soggetti apicali e sottoposti commettano reati a vantaggio della società. ll Modello 231 di ALBINI&PITIGLIANI SpA è un documento la cui predisposizione ha esaminato ogni reparto aziendale consentendo di effettuare una analisi preliminare delle attività “sensibili”, considerate a potenziale rischio ex D.Lgs.231/2001, stabilire i principi generali di comportamento, gli elementi di prevenzione e le misure di controllo essenziali deputate alla prevenzione o alla mitigazione degli illeciti. Il Modello 231 di ALBINI&PITIGLIANI SpA è un documento dinamico che viene adeguato al cambiamento normativo ed organizzativo, al fine di garantirne l’adeguatezza e l’idoneità.

Il Codice Etico della ALBINI&PITIGLIANI SpA è parte integrante del Modello 231 e definisce l’insieme dei valori e dei principi che informano l’attività della ALBINI&PITIGLIANI SpA e del Gruppo ALPI, stabilendo le regole di condotta per i rapporti con i Collaboratori, Clienti, Fornitori e Partner.

L’adozione del Modello 231 è presupposto necessario per consentire alla ALBINI&PITIGLIANI SpA l’esonero dalla responsabilità amministrativa in caso di commissione da parte dei propri amministratori e dipendenti, nonché dai soggetti che agiscono in nome e per conto della ALBINI&PITIGLIANI SpA stessa, delle tipologie di reati previste dal D. Lgs n. 231/2001.

Il Consiglio di Amministrazione della ALBINI&PITIGLIANI SpA ha inoltre nominato un Organismo di Vigilanza (OdV), dotato di autonomia di azione e di specifici poteri, avente il compito di verificare il rispetto delle regole del Modello 231, di curarne l’aggiornamento e di riferire al Consiglio di Amministrazione tutte le possibili situazioni di mancato rispetto di quanto indicato dal Modello 231 stesso.

 

Comunicazione e diffusione del Modello 231

La ALBINI&PITIGLIANI SpA promuove la comunicazione del Modello 231, con modalità idonee a garantirne la diffusione e la conoscenza effettiva da parte di tutti i “Destinatari del Modello” così come individuati nella Parte Generale e Parte Speciale. Il Modello 231 è reso disponibile a tutti i dipendenti mediante pubblicazione in una apposita sezione dell’intranet aziendale ed è disponibile presso tutte le sedi ALBINI&PITIGLIANI SpA per la consultazione. Il Modello 231 è portato altresì a conoscenza di tutti coloro con i quali la ALBINI&PITIGLIANI SpA instaura relazioni contrattuali compresi i dipendenti al momento dell’assunzione.

In particolare, l’impegno all’osservanza della legge e dei principi di riferimento del Modello 231 da parte dei terzi aventi rapporti contrattuali con la ALBINI&PITIGLIANI SpA è disciplinato da apposite clausole contrattuali all’interno degli accordi che, a seconda dell’attività regolamentata dal contratto, impegnano le controparti al rispetto del D.Lgs.231/2001, dei principi del presente Modello 231 e del Codice Etico. Tali clausole prevedono altresì appositi rimedi contrattuali in caso di indadempimento (es. diritto di risoluzione e/o la facoltà di sospenderne l’esecuzione del contratto e/o clausole penali).

Tutti coloro che operano con la ALBINI&PITIGLIANI SpA sono tenuti a conoscere e rispettare i principi contenuti in tali documenti. La violazione di tali principi comporta la cessazione del rapporto fiduciario.

 

Scarica Modello 231                                       Scarica Codice Etico